Warning: Declaration of ET_Theme_Builder_Woocommerce_Product_Variable_Placeholder::get_available_variations() should be compatible with WC_Product_Variable::get_available_variations($return = 'array') in /web/htdocs/www.mirafisioterapia.it/home/wp-content/themes/Divi/includes/builder/frontend-builder/theme-builder/WoocommerceProductVariablePlaceholder.php on line 8
Sindrome da Conflitto caratteristiche e trattamento -
0

La sindrome da conflitto conosciuta anche come capsulite adesiva o spalla congelata è una patologia che può insorgere nell’articolazione della spalla ed è una condizione dolorosa in cui il paziente lamenta:

  • una rigidità articolare
  • limitazione nel movimento
  • dolore soprattutto notturno, quando si comprime la spalla con il peso del corpo

La sindrome da conflitto è caratterizzata da una sintomatologia che, a differenza della lesione della cuffia dei rotatori, è presente anche alla mobilizzazione passiva ( quando lo specialista prova a muovere l’articolazione in assenza della partecipazione attiva del paziente).

Ulteriore elemento caratterizzante della patologia è l’aspetto fibrotico e ispessito della capsula articolare e dei tessuti che la compongono.

Le cause possono essere molteplici, come:

  • Trauma: lussazione, sublussazione o trauma da impatto
  • Cattiva postura della spalla: in cui si innescano una serie di movimenti non corretti dell’articolazione che creano micro traumi ripetuti nel tempo, ai quali il corpo reagisce andando a ridurre lo spazio di scorrimento dell’articolazione grazie all’ispessirsi della capsula articolare.

Diagnosi

La diagnosi viene fatta da uno specialista e può essere integrata da una radiografia per escludere la presenza di calcificazioni o artrosi. 

Trattamento fisioterapico

I trattamenti fisioterapici hanno l’obiettivo primario di ridurre il dolore con terapie:

  • Antalgiche antinfiammatorie: Laser HILT (HILTERAPIA), Tecar terapia
  • Allungamento e mobilizzazione con pompage articolari: per ripristinare l’escursione articolare e il tono muscolare, in una fase in cui il dolore è tollerato dal paziente. 
  • Rieducazione posturale

Nel caso in cui il paziente sia refrattario alle terapie antinfiammatorie lo specialista può ritenere necessario eseguire dei cicli di infiltrazioni con cortisone e farmaci antinfiammatori.

I tempi di recupero sono variabili ( dai 4 ai 12 mesi) questo dipende da vari fattori, come:

  • Causa
  • Età
  • Stile di vita
  • Compara e diagnosi della sintomatologia

Share This

Share this post with your friends!