0

Subtotale: 0,00


Nessun prodotto nel carrello.

Il nostro studio è frutto di un progetto di ricerca, in questo blog post vi presentiamo un estratto della tesi di laurea magistrale in Marketing strategico presentata per il corso di studi “Organizzazione e marketing per la comunicazione d’impresa” dell’Università La Sapienza di Roma.

L’interazione

L’interazione rappresenta il cuore e la linfa vitale delle relazioni, caratterizzata da una moltitudine di variabili che si intersecano dando forma e colore ai processi comunicativi. Anche la relazione medico paziente deve caratterizzarsi di sfumature che, trascendendo la competenza professionale, la arricchiscono di elementi interpersonali, come il supporto e l’incoraggiamento, aumentando la compliance e stimolando il paziente nel tempo attraverso lo sviluppo di relazioni affettive positive.

Co-creare valore

Co-creare valore significa realizzare un sistema sanitario “centrato sul paziente”, volto alla valorizzazione delle conoscenze esperienziali che le persone accumulano nel corso della loro malattia e al loro coinvolgimento attivo. Il cuore di questa nuova prospettiva è la condivisione di risorse, obiettivi e percorsi, così da giungere a una co-produzione della salute che determini elevati livelli di benessere. 

Il nostro metodo

Il metodo Fisiologic si basa su un assunto: riconoscere che anche i pazienti sono esperti. Il personale sanitario è ben informato sulle tecniche diagnostiche, le cause della malattia, la prognosi, le opzioni di trattamento e le strategie preventive, ma solo il paziente conosce la sua esperienza di malattia, circostanze sociali, abitudini e comportamenti, atteggiamenti a rischio, valori e preferenze. Entrambi i tipi di conoscenza sono imprescindibili per gestire con successo la malattia, quindi entrambe le parti devono essere preparate a condividere informazioni a prendere decisioni congiuntamente e instaurare una relazione emotivamente intelligente. 

Un percorso terapeutico emotivamente intelligente viene orientato dall’ascolto pro-attivo e non valutativo del paziente, mostrando attenzione alla comprensione dei suoi sentimenti e bisogni fondamentali. L’empatia gioca dunque un ruolo di fondamentale importanza in quanto i  rapporti umani si basano sul principio della socialità: le persone hanno la tendenza a instaurare relazioni e interazioni con soggetti che hanno esigenze simili alle proprie. L’empatia realizza quella tendenza per cui “se ti sento vicino e simile a me credo che tu mi comprenda, di conseguenza ti reputo capace di aiutarmi e per questo mi fido di te”. Non esiste alcuna relazione al mondo che duri priva di fiducia reciproca.

Share This

Share this post with your friends!